Statistiche Flusso Veicolare

La potenza di Traffic Scanner è costituita dal motore di analisi statistica e dal programma di elaborazione dati estremamente sofisticati di cui dispone. Esso è in grado di analizzare centinaia di milioni di veicoli e di estrapolare dal numero della targa tutta una serie di informazioni rilevanti. I dati, una volta raccolti, vengono immagazzinati in un banca dati ed elaborati per ricavarne statistiche del flusso urbano ed extraurbano molto avanzate. Il software Traffic Scanner è in grado di eseguire operazioni statistiche quali:

Il conteggio dei veicoli transitati: Il report Conteggio Transiti presenta un grafico a istogrammi indicante il numero dei veicoli transitati in un dato intervallo di tempo.

Dopo aver definito l’intervallo temporale, su quali varchi e in quali direzioni effettuare la ricerca, il sistema presenta i dati in formato grafico e numerico suddivisi per varco.

Nella parte inferiore del report sono visibili i dati in formato disaggregato per valutare le singole voci costituenti i valori totali. Tutti i dati possono essere esportati in formato csv 

Il conteggio dei veicoli in transito e la conseguente analisi della viabilità del traffico urbano si propone obiettivi di vivibilità della strada e risponde all’esigenza di vivere in equilibrio tra le esigenze del traffico, i requisiti tecnici delle infrastrutture sotterranee e i requisiti sociali

 

Statistiche-flusso-veicolare
Software-raccolta-dati-veicolo
Programma-valutazione-rischi
Ricerche-veicoli-da-targa

La nazionalità dei veicoli: L’analisi della nazionalità delle targhe dei veicoli che transitano è un’operazione che viene svolta dal nostro software in maniera dettagliata e precisa.

Il report nazionalità dei veicoli presenta due grafici a anello:

  • il primo indica la percentuale dei veicoli italiani transitati rispetto agli stranieri;
  • nel secondo viene proposta solo la parte relativa ai veicoli stranieri, con l’indicazione dei singoli paesi di appartenenza.

Il numero dei veicoli analizzati viene espresso in percentuale e con una colorazione diversa per nazione. Accanto ai grafici vi sono anche le tabelle in cui vengono indicati i valori numerici suddivisi per paese di appartenenza.

Sempre più persone, nell’ultimo periodo, nonostante siano di nazionalità italiana, circolano con veicoli con targa straniera.

Questo perché con una targa non registrata negli elenchi del P.r.a. o della Motorizzazione Civile si è in grado di sfuggire agli accertamenti fiscali e, di conseguenza, di evadere ad obblighi come la revisione quadriennale o la certificazione di controllo dei fumi di scarico.

Software come il Traffic Scanner forniscono un grande aiuto alle forze di Polizia che eseguono i controlli sulle auto con targa estera per sventare tali illegalità. Un alleato della legge, dunque, Traffic Scanner, che rende possibili interventi prima impensabili.

 

La classificazione dei veicoli: Il report riguardante la classificazione dei veicoli redatto da Traffic Scanner presenta due grafici ad anello.

Il primo indica la percentuale dei veicoli categorizzati come autovetture rispetto a quelli categorizzati come “altre tipologie di veicoli”, mentre nel secondo viene esposta la parte “altre tipologie di veicoli” indicando quattro sottocategorie: ciclomotorimotociclette e camion con e senza rimorchio.

Insieme ai due grafici vi è una tabella con tutte le informazioni in merito al tipo di veicolo e al numero di passaggi nei pressi del dispositivo che registra le riprese.

Ad oggi l’utilizzo di questa strumentazione cresce sempre di più, perché, oltre alla sua grande utilità, presenta una grande facilità d’uso ed è un ottimo supporto per il controllo, raccolta dati e la classificazione dei veicoli in transito in una determinata zona e successive ricerche e valutazione dei rischi .

Elaborazione-statistiche-flusso-veicolare
Banca-dati-flusso-veicolare
Statistiche-flusso-veicolare-urbano

Determinare l’anno di immatricolazione delle targhe: A seguito della registrazione del transito dei veicoli, il Traffic Scanner redige un report. Il report relativo all’anno di immatricolazione dei veicoli si presenta come un grafico ad anello diviso in varie “fette”.

Ogni “fetta” rappresenta la percentuale dei veicoli immatricolati nel corso degli anni compresi tra il 1994 e l’anno in corso. Nella parte destra del report, invece, vi è una tabella con le informazioni relative ai dati numerici divisi per anni.

Il report in questione fornisce, quindi, una visione chiara della situazione dei veicoli che hanno transitato in prossimità delle telecamere di videosorveglianza.

 

Determinare la classe inquinante EURO dei veicoli: Il report “Classi Euro”, risultato del monitoraggio eseguito con Traffic Scanner, presenta un grafico ad anello indicante il totale dei veicoli transitati, suddiviso per la classe Euro inquinante di riferimento.

Questo report costituisce un ottimo strumento per valutare l’anzianità del parco veicoli circolante. Nella parte destra viene presentato il dato numerico suddiviso per classi.

Ad ogni veicolo è assegnata, sulla base delle caratteristiche tecniche e di emissioni di fumi, l’appartenenza ad una determinata classe ambientale, suddivisone effettuata sulla base di direttive comunitarie.

A partire dal 1991 l’Unione Europea, infatti, ha emanato una serie di direttive finalizzate a ridurre l’inquinamento ambientale prodotto dai veicoli.

Sulla base di queste normative sono state individuate diverse categorie di appartenenza a cui fanno capo i veicoli prodotti dalle case automobilistiche. Sono le cosiddette Euro 1-2-3-4-5-6 a cui si associa la sigla Euro 0 per i veicoli più inquinanti, immatricolati prima del dicembre 1992.

La categoria Euro di appartenenza di ogni veicolo è presente sulla carta di circolazione.

Un’ulteriore importantissima funzionalità, questa, che viene effettuata dal nostro innovativo software e che è utile per cercare le soluzioni adeguate in materia di inquinamento provocato dai mezzi di trasporto.

Raccolta-dati-flusso-veicolare-extraurbano
Calcolo-del-tempo-di-permanenza
Stazione-di-monitoraggio-centrale